Forum di 2cv & Derivate

Forum di 2cv & Derivate


 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 AMI 6

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 122
Data d'iscrizione : 16.04.09

MessaggioTitolo: AMI 6   Mar Feb 16, 2010 1:41 pm














Maggio 1961, escono le prime imprecise anticipazioni della nuova media Citroen,
disegnata dall'italianissimo Flaminio
Bertoni, padre anche della DS, dalla linea trasgressiva (anche a quei
tempi!), l'Ami6.
























Per capire
e per amare una vettura progettata oltre quaranta anni fa è necessario
tuffarsi nella atmosfera di quegli anni.
Io ho pensato di farlo usando le pubblicazioni dell'epoca.

Questa prima
sezione è la traduzione, non ufficiale, del capitolo "Dettagli
di costruzione e di utilizzazione" del libro Votre
Ami6 Citroën arricchita da schemi ed immagini:



















Con
L'AMI6, Citroën ha creato per la sua clientela una vettura capace di
viaggiare per tempo indefinito a 100 Km/h, offrendo lo spazio di una 7 o
8 CV, con un confort che solo le DS e la ID 19 consentono a tutt'oggi, ed
il tutto con un costo di utilizzazione molto basso.
L'AMI 6 è la "kilometre-confort" meno cara del mondo.
















Identificazione
del veicolo

La targhetta
del costruttore è situata sotto il tappeto, nella parte posteriore
destra del telaio.
Il numero di motore è riportato su una placca rettangolare, fissata
sul lato destro del carter.
















Abitabilità


La vostra
AMI6 possiede quattro spaziosi posti ai quali si accede agilmente dalle
quattro porte che si aprono da dietro verso avanti (molte auto dell'epoca,
avevano le "porte suicide" che si aprivano controvento). Le
portiere e i vetri sono inclinati parallelamente ai montanti del parabrezza,
in modo da permettere un facile accesso.






Confort


Come tutte
le Citroen la plancia è rigorosamente piatta.
La forma dei due grandi divani è stata rigorosamente studiata in
funzione delle diverse posizioni assunte dal corpo umano, che è
sostenuto dolcemente dappertutto. Il molleggio dei sedili è molto
apprezzabile.



Con
un disegno anatomicamente perfetto, permette di effettuare lunghe tappe
senza affaticarsi; coperto da un tessuto elastico, questi sedili (quelli
anteriori sono regolabili sulla berlina e sulla Club) sono amovibili, e
questo torna utile per il camping o per il trasporto di oggetti ingombranti.














Un grande
bagagliaio, di forma piana e pulita, accessibile sia dall'interno che
dall'esterno, accoglierà tutti i vostri bagagli, l'abitacolo rimarrà
interamente libero. La ruota di scorta è posizionata davanti. Il
bagagliaio è dotato di una serratura interna di sicurezza.

Visibilità

La superficie
vetrata è particolarmente grande (oltre il 25% della superficie
totale della carrozzeria), e la sottigliezza dei montanti metallici, lascia
la visuale completamente libera.
Il parabrezza arrotondato, il cofano inclinato verso il basso, permettono
una perfetta visione davanti a sè.
Il lunotto posteriore piatto, di grandi dimensioni, lascia entrare liberamente
la luce. La sua eccezionale visibilità facilita le manovre. La
sua posizione inversa evita che si sporchi (berlina), lo mette al riparo
dalla neve e dalla pioggia, lo protegge inoltre dai riflessi.

Climatizzazione

La vettura
è ventilata nella parte anteriore da bocchette di areazione posti
su ciascun lato del cruscotto. La direzione dell'aria fresca è
regolabile da bocchette orientabili. Il riscaldamento è molto efficace,
sia anteriormente che posteriormente, la vettura possiede un dispositivo
di sbrinamento e disappannamento.
Il padiglione, in materiale sintetico, costituisce un buon isolante termico.

Carrozzeria

Citroen
ha voluto creare una carrozzeria elegante, con il massimo sfruttamento
dello spazio interno, e con l'abitabilità di una vettura di cilindrata
ben superiore. La posizione del lunotto posteriore (berlina) permette
di utilizzare un tetto piatto che ben si accorda con la comodità
dei passeggeri, con una lunghezza della carrozzeria ridotta, ed un grande
spazio tra i sedili anteriori e posteriori.
La carrozzeria dell'AMI6 è costituita da un telaio portante rinforzato,
rigido ed indeformabile, che porta altri elementi separati (scocca, parafanghi,
porte ecc.), questo semplifica la riparazione della carrozzeria.

Sospensioni

Qualsiasi
sia il carico, lo stato della strada, o la lunghezza del percorso, l'AMI6
evita al conduttore ed ai passeggeri di affaticarsi per le sue sospensioni
estremamente dolci e le quattro ruote indipendenti. L'interconnessione
tra gli assali posteriore ed anteriore elimina tutte le possibilità
di rollio e di beccheggio, e mantiene la vettura parallela al suolo.

Sicurezza

La tenuta
di strada e la frenata particolarmente sicure ed efficaci (a 100 Km l'AMI6
di blocca completamente in 50 mt ) sono i fattori più importanti
di sicurezza. Si aggiungano fattori complementari come le imbottiture
di protezione opportunamente piazzate, il volante monorazza CITROEN, la
concezione stessa dei sedili, le chiusure interne delle portiere, il comodo
pomello delle marce, l'efficacia del freno a mano, ecc…

Motore

L'AMI6 doveva
essere molto sobria. D'altra parte la sua vocazione internazionale la
spinge a dover viaggiare a tutte le latitudini. Queste due ragioni hanno
portato a mantenere il modello del motore a due cilindri orizzontali contrapposti
a raffreddamento ad aria della 2CV. D'altronde questa è una formula
che si impone sempre di più sulle vetture da 300 a 600 cc di cilindrata.
Per queste cilindrate il motore bicilindrico è il più razionale
(4 cilindri comportano una perdita di potenza troppo elevata per gli attriti;
un solo cilindro è troppo difficile da equilibrare).
Due cilindri si equilibrano reciprocamente.
Due cilindri contrapposti si raffreddano meglio di quelli in linea.
Due cilindri contrapposti orizzontali permettono un migliore sfruttamento
dello spazio.
Due cilindri contrapposti orizzontali a raffreddamento ad aria costituiscono
la soluzione ideale, perché l'ambiente agisce direttamente, continuamente
ed in quantità illimitata, è quindi il miglior agente di
raffreddamento.
La cilindrata di 602 cc, piazza l'AMI6 al limite oltre il quale comincia
in tutti i paesi un carico fiscale molto superiore.

Illuminazione

Questo è
un punto che è utile trattare in modo particolare: per motivi di
estetica, visibilità e resistenza all'avanzamento, CITROEN è
stata portata ad adottare per i fari una forma rettangolare.
Ma i fari CIBIE' dell'AMI6 costituiscono una combinazione ottica originale,
che permette di recuperare il fascio luminoso che la forma rettangolare
avrebbe fatto perdere: non contenti di tagliare in basso e in alto un
faro classico ( soluzione che peggiora il rendimento del dispositivo di
illuminazione poiché neutralizza una parte del fascio ) è
stato messo a punto un sistema speciale di tre riflettori.
Inoltre la concezione di questo faro rende possibile una maggiore profondità
della parabola, e ciò permette di catturare una maggior quantità
di fascio luminoso. (Si sa che più un faro è profondo, maggiore
è la quantità di luce catturata, ma è difficile a
tutt'oggi sfruttare questo vantaggio per le difficoltà di produzione
di parabole profonde).
Grazie ai loro speciali elementi ed alle originali superfici riflettenti,
questi fari permettono di ottenere dei risultati equivalenti, se non superiori,
a quelli dei classici fari di grandi dimensioni che non sarebbe possibile
alloggiare sulla vettura.
L'aumento di luminosità, l'omogeneità della distribuzione
luminosa, l'intensità a codice (il doppio di quello che impone
la regolamentazione europea), fa si che i fari dell'AMI6 creino un ambiente
molto riposante, un'illuminazione stabile che permette una circolazione
notturna molto veloce ed in grande sicurezza.

Rodaggio
e condotta

Quando la
vostra AMI6 vi viene consegnata tutti gli organi sono nuovi (motore, cambio,
freni ecc.). Questi organi sono stati costruiti con grande precisione
e devono abituarsi a viaggiare insieme (questo è il rodaggio).
Per i primi 500 Km restare un pò al di sotto delle indicazioni
in rosso sul contachilometri.
Tra 500 e 2000 Km risparmiare ancora un po' la vettura.
Oltre i 2000 Km correre liberamente, ma non superare mai i:
- 25 Km/h in prima
- 50 Km/h in seconda
- 75 Km/h in terza

In realtà
i modelli dal 68 in poi andavano BEN OLTRE queste velocità!
Quando partite al mattino, lasciate girare il motore
per qualche istante per permettere alla pompa dell'olio di inviare il
lubrificante sotto pressione ai vari organi.
Sono sconsigliabili le partenze affrettate. Lasciate scaldare il vostro
motore. Non chiedetegli grosse prestazioni a freddo. Non imballatelo a
freddo o a vuoto.
Al semaforo non fare slittare le gomme come foste ad un Grand Prix. Consumereste
carburante inutilmente. Inoltre il vostro motore lavorerebbe nelle peggiori
condizioni. Non superate mai nelle marce inferiori il regime prescritto
dal costruttore. Anche il caso opposto è sconsigliabile. Ad esempio
non correre in quarta a 20 Km/h. All'arresto della vettura in marcia,
non attendere con la marcia innestata che il vigile dia il via libera,
consumereste rapidamente il disco della frizione.























Tornare in alto Andare in basso
http://forum2cv.forumattivo.com
 
AMI 6
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di 2cv & Derivate :: Tutto Ami :: Modelli-
Andare verso: